Chat bot e assistenti in carne ed ossa: come convivere?

Chat bot e assistenti in carne ed ossa: come convivere?

Anche se talvolta da clienti non ce ne accorgiamo, i chat bot gestiscono già alcune conversazioni azienda ↔ cliente e sono destinati a crescere in futuro. Ciò rappresenta una sfida per le imprese perché i chat bot rappresentano sì un’opportunità da sfruttare, che però al tempo stesso preoccupa altri attori. Infatti tra chat bot e assistenti in carne ed ossa non corre buon sangue dato poiché questi ultimi li vedono come dei possibili usurpatori del proprio posto di lavoro.

In realtà la discriminante è COME le imprese utilizzano i chat bot; quindi prima di proseguire oltre scaliamo di marcia e chiediamoci quali chat bot piacciono all’utilizzatore finale (alias cliente).

Quando il cliente ama i chat bot

Che si tratti di un chat bot che per prenotare una stanza di un hotel o una cena recapitata davanti alla tua porta di casa il cliente lo apprezza se gli consente di:

  1. Risparmiare tempo = compio la stessa azione senza tempi di attesa 
  2. Risparmiare denaro = ordino un prodotto / servizio via chat bot rispetto ad altri canali
  3. Ridurre i suoi sforzi = 1 solo tap per ottenere la stessa risposta che otterrei con più click  

TIP: se il tuo customer service (con o senza chat bot) non è in grado di soddisfare almeno una delle tre prerogative di cui sopra, stai allontanando i clienti da te.   

Ne parlerò a questo evento [invito per te]

Il prossimo 14 giugno parteciperò all’evento ‘Chatbot 4 enterprise‘, che avrà luogo a Firenze. Come si evince dal titolo stesso sarà una giornata dedicata all’utilizzo dei chat bot in azienda, soprattutto in ambito customer serviceIl mio speech sarà proprio focalizzato sul tema: ‘Call-centre e assistenti clienti in carne ed ossa: come convivere con i chat bot e sopravvivere al rischio di estinzione’.

Ti consiglio di cogliere questa occasione per incontrarmi di persona a Firenze o, comunque, per segnalare l’evento a colleghi interessati a partecipare. Tra l’altro sarò in compagnia di ottimi relatori per approfondire questo argomento. Un ulteriore stimolo per partecipare? L’ingresso all’evento è gratuito ;-).

Firenze

Ci vediamo a Firenze?

Ricapitolando: 

  • 14/06/17
  • Chatbot 4 Enterprise, Firenze.  
  • Agenda ed iscrizioni GRATIS QUI (ultimi posti disponibili)

Ti aspetto a Firenze!

Risorsa utile 

Per entrare nel vivo ti consiglio questa lettura  come utilizzare i chat bot nel servizio clienti [EBOOK]. E’ rivolto ad imprese che hanno un team dedicato all’assistenza servizio clienti da valorizzare attraverso nuovi canali digitali (social network, App di messaggistica istantanea e chat bot). Che ci piaccia o meno, i canali digitali sono già entrati nel servizio clienti senza bussare.

Conclusioni

E’ interesse delle imprese garantire una buona convivenza tra chat bot e assistenti in carne ed ossa per garantire un servizio migliore ai propri clienti. La chiave sta nel delegare ai chat bot attività di routine in modo da sgravare l’assistente umano e consentirgli di dedicarsi ad attività ad alto valore aggiunto (ad esempio interventi tempestivi per prevenire reclami).

In conclusione è essenziale provvedere ad una ‘training’ adeguato per entrambe le figure dato che il cliente apprezzerà:

  • Il chat bot SE gli consente di risparmiare tempo / denaro /sforzi
  • L’assistente clienti in carne ed ossa SE in grado di risolvere i suoi problemi attraverso i canali digitali

A questo proposito, scopri come alleno gli assistenti clienti /call-centre a comunicare con successo utilizzando social media, app, chat.

Immagine in evidenza: Chatbotsmagazine.com

About Paolo Fabrizio

Pioniere del servizio clienti, contribuisce alla startup della prima compagnia assicurativa online. Fondatore di SocialMediaScrum.com, il primo blog italiano dedicato al Social Customer Service. Formatore, speaker ed autore di podcast e video tematici.

Related Posts