Come scacciare i tuoi social punti interrogativi

Come scacciare i tuoi social punti interrogativi

Limitare le incognite legate ai Social Media per favorire il tuo Business

Fonte - Compfight.com

Fonte – Compfight.com

E’ il 9 Dicembre. Molti incominciano ad avvertire quella strana sensazione che col passare dei giorni si trasformerà in ansia da regali natalizi.

Tu, però, senti anche qualcos’altro.

Sei già proiettato nel futuro come un razzo spaziale pronto ad essere lanciato a tutta velocità: la tua missione è affrontare al meglio il 2015 limitando la massimo le incognite.

Punti fermi vs punti interrogativi

Dato che non sono un indovino non posso anticiparti il futuro. Posso però aiutarti ad interpretare il presente, ovvero:

  • Fornirti alcuni dati statistici che fotografano la realtà attuale del Social Media Marketing per aiutarti a cancellare alcuni tuoi punti di domanda.
  • Astenermi da qualsiasi tipo di previsione (per la la serie “il trend del 2015 sarà…”) invitandoti a non farti a tua volta influenzare dalle numerose social-previsioni che leggerai da qui a fine anno.

Da Social Network a Social Mobile

Innanzitutto desidero evidenziarti alcuni dati che mi hanno molto colpito.

Global Web Index ha condotto un’indagine, registrando dati dall’ultimo trimestre del 2012 al terzo trimestre 2014.

L’obiettivo era osservare l’evoluzione a livello mondiale dell’utilizzo dei Social Network , sia in base al dispositivo utilizzato (PC, smartphone, tablet), sia in termini assoluti.

Il dato dirompente è che l’accesso ai Social Network con dispositivi mobili (smartphone, tablet) ha ormai superato il 40%. Vediamo assieme questa infografica riassuntiva:

Fonte - GlobalWebIndex.com

Fonte – GlobalWebIndex.com

Nel dettaglio gli altri dati di accesso ai Social Network:

  • +11% via tablet (dal 9% al 20%).
  • +11% via mobile/smartphone (dal 32% al 43%).
  • -2% via PC (dal 62% al 60%).
  • +3% traffico totale complessivo di tutti dispositivi (dal 65% al 68%).

Questi dati sono significativi perché mostrano la forte ascesa di accessi ai Social Network tramite smartphone e tablet in un lasso di tempo relativamente breve (Q4 2014 – Q3 2014).

Inoltre, per quanto limitato, c’è stato un calo di accessi ai Social Network via PC (-2%), contro una crescita di accessi via smartphone che ormai ha raggiunto il 43%.

TIP: Confronta questi dati con la tua strategia di Business per il 2015. Per aiutarti ti faccio una semplice domanda: il tuo sito web è già responsive (adattabile in automatico per ogni formato di schermi, PC, smartphone o tablet) vero? Se la risposta è NO, hai un problema urgente da risolvere.

L’itinerario di esperienza del cliente

In questa sezione desidero evidenziarti i nuovi comportamenti del consumatore, il quale ha un ruolo sempre più attivo nel rapporto che stabilisce tra sé e l’azienda.

A prescindere da dove concluderà l’acquisto (negozio fisico oppure online), affronta un percorso ricco di esperienze alla ricerca di informazioni, pareri e conferme sull’affidabilità della tua azienda. Infine, prenderà la propria decisione definitiva: acquistare o meno il tuo prodotto/servizio.

Ho scelto l’infografica che trovi qui sotto tratta da Raconteur.net, perché illustra con chiarezza e semplicità questo ciclo.

Fonte - Raconteur.net

Fonte – Raconteur.net

Essa compone ciò che è la customer experience, ovvero l’esperienza complessiva vissuta dal cliente. In sintesi le 3 fasi di questo ciclo:

  1. Considera –> viene a conoscenza dell’offerta ed inizia il suo porcesso di valutazione.
  2. Acquista –> effettuta l’acquisto nel negozio, oppure online.
  3. Vive l’esperienza –> utilizza il prodotto/servizio acquistato e condivide la propria esperienza.

Soffermiamoci un attimo su quest’ultimo punto, in particolare, sul potere del passaparola.

Il passaparola negativo raggiunge un bacino di persone più ampio di quello positivo (mediamente 22 a 9). Le conseguenze che ne derivano hanno un impatto diretto sui tuoi risulttai successivi; infatti  sono necessarie ben 12 esperienze positive per curare con successo gli effetti di 1 negativa!

TIP: Segui con attenzione e cura ogni contatto con il tuo potenziale cliente perchè ogni conversazione contribuisce al formare la sua percezione complessiva del tuo Brand.

Conclusioni

Spero di averti aiutato a cancellare qualche punto interrogativo attraverso dati e statistiche attuali. Rimane il fatto cha sta a te interpretarli a valutare se e come adattare i tuoi obiettivi per il 2015.

A questo proposito sono curioso di sapere come ti stai preparando:

  1. Quali sono le tue priorità per il 2015?
  2. Con quali finalità intendi utilizzare i Social Network?

Continuiamo la conversazione qui sotto, aggiungi il tuo commento!

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

P.S. Ci vediamo giovedì 11 per la 3° ed ultima tappa di #caraaziendatisfido!

–––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Potrebbero interessarti anche:

Come scacciare i tuoi social punti interrogativi
About Paolo Fabrizio

Pioniere del servizio clienti, contribuisce alla startup della prima compagnia assicurativa online. Fondatore di SocialMediaScrum.com, il primo blog italiano dedicato al Social Customer Service. Formatore, speaker ed autore di podcast e video tematici.

Related Posts