Category Archives Customer Experience

servizio scadente

Se cerchi sui principali dizionari il significato della parola comunicare  troverai ‘rendere comune, far conoscere, far sapere’ ma soprattutto ‘trasmettere‘. Quest’ultimo termine indica la capacità di trasferire informazioni ad un’altra persona – quindi non semplicemente ‘dire’. Nel customer service questa (in)capacità di trasferire è cruciale per riuscire ad offrire un servizio clienti davvero efficace.

Troverai la riprova in questo podcast. Infatti in questa puntata ti racconto la mia esperienza con una banca italiana che, comunicando in modo poco chiaro ha creato malintesi, offrendo quindi un servizio scadente. La puntata è già pronta, ti auguro buon ascolto! 

fare irritare i clienti

‘Non farmi perdere tempo!’ Disse il cliente al servizio clienti…

Quante volte hai pronunciato questa frase? A me è capitato spesso, soprattutto quando l’aziende di cui sono cliente mi hanno messo i bastoni fra le ruote, anziché agevolarmi. Sembra un controsenso perché nessuno vuole clienti arrabbiati o infastiditi, eppure è così per piccole, medie o grandi aziende. Potrei citare vari esempi, ma in questo podcast ti parlerò di un’esperienza che ho appena vissuto con una nota compagnia aerea; ti assicuro che rappresenta il ‘suicidio perfetto’ – ovvero il modo più efficace per fare irritare i clienti facendo loro perdere tempo.

Io invece non voglio fartelo perdere quindi vengo subito al sodo: buon ascolto con l’episodio #101! 

fidelizzazione del cliente

Puoi aumentare i prezzi a seguito di una precisa pianificazione oppure a causa di circostanze che ti portano, nolente o volente, a farlo. In entrambi comunque scontenterai i tuoi clienti perché a nessuno piace pagare di più per lo stesso prodotto /servizio che utilizza già da tempo. Detto ciò è il modo in cui comunichi l’aumento del prezzo e, di conseguenza, come rispondi alle lamentele, a fare la differenza. Infatti, il modo in cui farai sentire il cliente lo spingerà ad alzare o meno i toni e, soprattutto, a decidere se rimanere o meno tuo cliente. Non ultimo, probabilmente racconterà comunque la sua esperienza anche in pubblico ( = sui social network).

Ecco perché è tuo interesse riuscire ad offrire una customer experience con un finale eccellente anche quando ha origine da una prima fase di delusione. Dalla teoria alla pratica: in questo podcast ascolterai come il servizio clienti di un’azienda ha saputo gestire al meglio una lamentela, a tal punto da ottenere la fidelizzazione del cliente stesso.

leve psicologiche

Non è mai un compito semplice gestire le emozioni, nostre o dei nostri clienti. Le conversazioni cliente ↔ azienda ne rappresentano l’esempio lampante poiché fattori quali l’umore o l’emotività possono variare più volte durante la medesima conversazione.

Risultato: l’esperienza vissuta dal cliente può diventare ‘volatile’ come l’indice Dow Jones… 

Diventa quindi cruciale essere consapevoli delle principali dinamiche che si sviluppano ed (in)formare in modo adeguato il tuo team dedicato al customer service. Perciò in questo post ti indico 2 leve psicologiche da utilizzare per potenziare le performance del tuo servizio clienti.

cliente soddisfatto ti può abbandonare

Cliente soddisfatto = fedele? Non sempre. A volte esprime giudizi positivi sui tuoi prodotti /servizi salvo poi tradirti con la concorrenza, senza aver manifestato alcun segnale di insoddisfazione. Ebbene, come è possibile? Il fatto è che i questionari di customer satisfaction ti consentono sì di raccogliere i feedback del cliente durante le conversazioni avute con il tuo servizio clienti, ma c’è anche altro da considerare…

In questo podcast mi tuffo in questa parte sommersa dell’iceberg per aiutarti a monitorare anche i momenti che precedono le conversazioni cliente ↔ azienda. Obiettivo farti capire perché un cliente soddisfatto ti può abbandonare e, quindi, prevenire ‘brutte sorprese’. Ora è il momento di passare alla parte audio, sei pronto?

Close